Contatti English
Vieni a trovarci su:
Libri di scienza per ragazzi

                             
Libri e autoriAttività e progettiEventi e notizieScienza in giocoCasa editrice
Home Scienza in gioco   Domande di scienze: Telmo Pievani risponde
Il bullismo al tempo dei social
Club dei cuochi
Lo scienziato risponde
Esperimenti fai da te
Fili d'erba



Domande di scienze: Telmo Pievani risponde

Ciao Telmo, ho letto tutto il tuo libro e ho capito che le piante sono  molto importanti perché producono cibo e ossigeno per tutti gli animali. Ma se tutte le forme di vita sono imparentate, allora noi siamo parenti anche delle piante?
(Lucia da Mondovì, 12 anni)

Sì certo, cara lettrice di Teste Toste, siamo imparentati anche con le piante, ma molto più alla lontana. La vita animale comincia intorno a 600-550 milioni di anni fa, un sacco di tempo fa, quando cominciano a diversificarsi le prime forme viventi con più di una cellula, i pluricellulari, nei mari fecondi del primo Cambriano. Fu una grande esplosione di vita, una fase di meravigliosa sperimentazione di nuove forme (tra le quali Pikaia gracilens, uno dei primi cordati, il nostro progenitore!).  Ma già prima di questa storia alcuni microrganismi in mare avevano imparato la fotosintesi. Dunque noi e le piante ci siamo separati tanto tempo fa, ma una traccia genetica rimane ancora adesso. Il nostro genoma e quello di una pianta, per esempio un banano, hanno ancora una bella porzione in comune!

Ciao Telmo, sono Lavinia e ho letto il tuo libro "Perché siamo parenti delle galline?". Avrei una domanda da porti: perché dici che assomigliano alla gallina? Io non penso che le assomigliano. Noi non abbiamo il becco e poi non abbiamo la cresta.
(Lavinia, 8 anni)

Cara Lavinia, il bello dell'evoluzione è proprio questo, che con il passare del tempo diventiamo sempre più diversi nell'aspetto esteriore, ramificandoci nel grande albero della vita, quindi hai ragione nel dire che noi e le galline siamo in effetti diversissimi. Eppure, sotto sotto, soprattutto dentro il nostro genoma, scopriamo di avere molto in comune: i nostri geni sono, in gran parte, gli stessi (quelli che fanno gli occhi, gli arti, etc.), solo che poi realizzano strutture diverse tra loro (un occhio umano, un occhio di gallina). Saputo questo, puoi tornare all'aspetto esteriore e guardando meglio vedrai che qualche somiglianza la trovi: per esempio gli ossicini che stanno dentro le nostre braccia e dentro le sue ali sono molto simili. Ma perché i geni sono gli stessi? Perché provengono dall'antenato che noi e le galline, cioè i mammiferi e gli uccelli, abbiamo in comune, vissuto moltissimo tempo fa (centinaia di milioni di anni fa!). Quell'antenato in comune è il punto in cui, andando indietro nel tempo, il ramo che ha portato all'Homo sapiens e il ramo che ha portato alle galline si incontrano e si uniscono! Quindi, anche se ci sembra strano, noi siamo parenti delle galline, per la precisione "cugini", perché abbiamo un lontanissimo nonno in comune. Facciamo tutti parte della stessa grande famiglia!

 

 




Libri consigliati
Le isole del tempo Marta Mazzanti, Giovanna Bosi, Riccardo...

A partire da 9 anni
16,90 €
Sulle tracce degli antenati, di Telmo Pievani - l'evoluzione dell'uomo spiegata ai bambini Sulle tracce degli antenati Telmo Pievani

A partire da 9 anni
19,90 €


Editoriale Scienza Srl | Sede operativa: via Beccaria 6, 34133 Trieste (TS) | Sede legale: via Bolognese 165, 50139 Firenze (FI) | Codice fiscale, Partita Iva e numero d'iscrizione al Registro Imprese di Firenze: 01000950327
Privacy policy | Cookie policy | Web design | Web development